Evola, una voce sopra le rovine

da Renzo Giorgetti

Un autore riesce a ottenere considerazione in due casi: nel primo, quando ci parla della sua epoca, cogliendone lo spirito e le caratteristiche peculiari, divenendone così il migliore testimone; nel secondo caso, quando riesce a elevarsi al di sopra del suo tempo fino a raggiungere valori universali, illustrandoli e rendendoli intelligibili a chi gli è contemporaneo così come a chi verrà dopo di lui. Se gli autori del primo tipo potranno godere di fama ed essere ricordati per quello che sono stati in grado di comunicare sulla realtà che hanno vissuto ‘nel tempo’, sono i secondi a essere i più importanti, perché sono in grado di creare opere che, non legandosi strettamente alle forme del divenire, più si avvicinano alla dimensione dell’eterno.

Similmente si pone ogni attività culturale, la quale acquisisce vero valore solo se in grado di fornire qualcosa che non sia il semplice ‘sapere’, ma che riesca piuttosto a costruire strumenti per la comprensione della realtà, a presentare scenari non comuni, che saranno di giovamento per la ricerca e la crescita interiore. Produrre ‘letteratura’, anche artistica e di qualità, è diverso dallo scrivere per dare orientamenti esistenziali, scoprire le leggi più recondite della vita, tentare di svelare i nessi nascosti tra le cose, tra lo Spirito e la materia. È un insegnamento vivo nella sua perenne attualità, una cultura che porta a un’elevazione che non è semplice erudizione perché conduce a effettivi cambiamenti nei pensieri così come nelle azioni.

L’opera di Julius Evola si pone proprio in questa prospettiva: il tentativo di superare i vincoli della realtà più ordinaria, di porsi a un livello più alto, più vicino all’Essere, all’Idea, a ciò che trascende il divenire, tutto ciò che – per nulla influenzato dalla corrente delle forme – ha in un altrove la sua ragione d’essere. Si ha, dunque, un valore formativo di insegnamenti che rimangono sempre attuali: al di là di ciò che hanno significato nel momento in cui furono scritti e letti, sono ancora lettera viva che non cessa di comunicare il suo messaggio a chi oggi li ascolta, sempre attuali proprio perché sempre antichi, ovvero ‘fuori dal tempo’. Ma non fuori dal mondo.L’Idea si compie e acquista per noi un significato solo se riesce a manifestarsi, a entrare nella nostra realtà e a influenzarla, imprimendo nella materia la propria essenza immateriale. Si potrà così ottenere una conoscenza che non è soltanto speculazione teorica, ma un sapere effettivo, una visione che comprenderà in sé anche ciò che non è visibile, tangibile, misurabile, considerandolo molto più reale della stessa realtà comune: manifestazione di un ordine di cui il mondo della materia è solo una minima parte. Raggiunta tale consapevolezza, si entra in un ordine di idee differente, che comporterà dei cambiamenti anche nei confronti del quotidiano, nei rapporti con esso così come nella valutazione di priorità e obiettivi. Da un certo punto di vista, si è già in un cammino iniziatico. Ed è per questo che una tale conoscenza difficilmente potrà essere compresa nella sua interezza da lettori o studiosi che ‘contestualizzano’, ‘inquadrano’ o si dedicano alla pura e semplice biografia personale. Ci sono scritti, quelli legati agli insegnamenti tradizionali, che hanno un contenuto oggettivo di verità che li pone a un livello differente rispetto alle comuni speculazioni di un filosofo e che, come tali, non rientrano nella categoria della semplice ‘opinione’, del semplice prodotto del pensiero. Si tratta di un avvicinamento alla verità, una partecipazione, un’adesione: e più ci si avvicina a questo limite, più l’opera avrà valore. Un valore non solo ideale ma anche pratico. Tutto ciò, in un’epoca antidogmatica come la nostra, può sembrare incomprensibile. Ma non si pretende di certo che determinati concetti siano per tutti, anche perché quello dell’istruzione egualitaria – valida per tutti alla stessa maniera – è solo uno dei tanti miti moderni. Insegnamento qualitativo quello di Evola […]

VUOI CONTINUARE A LEGGERE QUESTO ARTICOLO?
ACQUISTA O ABBONATI ALLA RIVISTA:

Ti potrebbe piacere anche

Lascia un Commento